lunedì 30 aprile 2012

"Terza stella da indossare con orgoglio!"

L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche alle 20,45 ha rilasciato interessanti dichiarazioni in merito all’ultima giornata di campionato.
JUVE, TERZA STELLA DA INDOSSARE CON ORGOGLIO, ALTRO CHE PROVOCAZIONE!
“La Juventus sembra ormai irraggiungibile. La squadra è ancora affamata e pimpante nonostante corra da inizio campionato a ritmo incessante. E non si dica che a Novara era facile vincere perché solo una settimana fa la Lazio, terza in classifica, aveva perso sul campo degli azzurri.
La terza stella è sempre più vicina per i colori bianconeri e sarà un orgoglio da portare a testa alta sul petto. D’altronde tutti i tribunali, sia sportivi che penali, hanno stabilito che il campionato 2004/2005 è stato regolare, che le ammonizioni erano giuste e che i sorteggi erano regolari. E allora di cosa parliamo?
La Juve merita di festeggiare il trentesimo scudetto e come al solito Moratti e Tronchetti Provera non hanno perso occasione per stare zitti. Con che coraggio poi, parlano proprio loro salvati solo dalla prescrizione?
Cosa farà la Figc? La Federazione Italiana ha 444 milioni di buoni motivi per non mettersi contro la Juve….”
MILAN, GLI INFORTUNI SONO STATI DECISIVI
“Il Milan ha recuperato troppo tardi i tanti assenti avuti nel corso della stagione. Il campionato è stato perso proprio per via dei molteplici infortuni e non certo per
il goal non dato a Muntari. La squadra rossonera ha giocato per oltre 3/4 di stagione senza la formazione titolare. La sconfitta decisiva è stata quella contro la Fiorentina; lì il Milan ha perso il campionato.”
3° POSTO A 55 PUNTI? CONFERMA IL BASSO LIVELLO DEL CALCIO ITALIANO
“Tutte queste squadre in lotta per il terzo posto a soli 55 punti a tre giornate dalla fine conferma il sempre più basso livello tecnico-tattico dell’attuale calcio italiano. Milan e Juve rischiano di finire il campionato con quasi 30 punti di vantaggio sulle terze. Non si era mai vista prima una quota punti così bassa per la zona Champions.
L’Inter di Stramaccioni è rientrata in piena corsa ma se vorrà ottenere il diritto di disputare i preliminari per l’Europa che conta dovrà giocare sicuramente meglio. La Lazio sta pagando nettamente gli infortuni ma non è tollerabile il modo in cui sta gestendo il caso Klose, consentendo al giocatore di fare tutto quello che vuole. Rissa finale al Friuli? Bergonzi sul banco degli imputati. Lui che ha sentito chiaramente il fischio proveniente dalle tribune e che ha evidentemente tratto in inganno i giocatori della Lazio avrebbe dovuto arrestare subito il gioco e senza il 2 a 0 dell'Udinese non sarebbe successo  tutto quel casino... ”
GENOA-LECCE, SARA’ UNA LOTTA FINO ALLA FINE
“Ormai è evidente che a decidere l’ultima squadra retrocessa in serie B sarà una lotta tra Genoa e Lecce. La squadra allenata da Serse Cosmi dopo un periodo magico sta collezionando una sequenza di sconfitte, come anche naturale. Il Genoa invece è sempre più in caduta libera e più passa il tempo e più si evidenziano le colpe della società per aver allestito la squadra senza criterio. Non è possibile che nessuno degli allenatori che si sono seduti sulla panchina ligure quest’anno ci abbia capito qualcosa!.”
ROMA, BALDINI FARA’ DIMETTERE LUIS ENRIQUE PER SALVARSI
“Premetto che io non sono un nemico della Roma e non lo sono mai stato nemmeno in passato. Anzi, porto sempre nel cuore gli anni passati da dirigente giallorosso nella capitale con Anzaloni presidente dove vincemmo anche una coppa Italia e si posero fortemente le basi per lo scudetto del 1983. La Roma è stata tra l’altra la mia prima vera esperienza da dirigente visto che prima di allora ero solo un osservatore per la Juventus.
Fatta questa doverosa premessa,  mi piace intanto segnalare che in tanti anni di calcio non avevo mai visto nulla come l’esultanza di Simplicio e non mi è piaciuta per niente la scena di fine gara con Totti sotto la curva. Parlare con i tifosi è sempre sbagliato. I tifosi devono tifare, la società deve decidere in completa autonomia.
La verità è che nel suo passato da dirigente Baldini aveva sempre avuto un angelo custode vicino a coprire i suoi errori. Quest’anno che ha agito da solo i risultati del fallimento sono evidenti con il progetto che non è mai decollato e che anzi è andato via via peggiorando settimana dopo settimana.
Visto che se cacciassero Luis Enrique si dovrebbe dimettere all’istante anche lui, sono sicuro che a fine anno “consiglierà” al tecnico spagnolo di dimettersi da solo per salvare il suo posto…”

buoniecattivi Pagelle Juve PLATINI e BONIPERTI

IL MIGLIORE 
FOTO BONIPERTI & PLATINI VOTO 10
L'immagine più bella della domenica è sicuramente la presenza contemporanea in tribuna di Platini e Boniperti, fianco a fianco. Un grande pezzo della storia della Juve!

bicchieremezzopieno VUCINIC e BORRIELLO, adesso li rimpiangono anche a ROMA...

Vedendo la concretezza di Vucinic di fine stagione e il modo in cui sta giocando Borriello dopo essersi sbloccato ci si può solo chiedere quanto avrebbe potuto ancor di più dominare la stagione la Juventus se questo stato di grazia fosse cominciato un pò prima.
E i tifosi della Roma oggi li rimpiangono più di ieri.

bicchieremezzovuoto DEL PIERO, epilogo JUVE...

Trovare difetti alla Juventus scesa in campo a Novara è impossibile.
E allora il bicchiere mezzo vuoto di questa giornata lo dedico al pensiero espresso in diretta tv da Del Piero. L'epilogo è sempre più vicino...

La matematica non è un'opinione

Una Juventus sempre più convinta dei propri mezzi domina anche a Novara trascinata da Vucinic (doppietta), Borriello (ormai sbloccato) e Vidal!
3 giornate alla fine, 3 punti di vantaggio sul Milan.
Ma fa bene Mister Conte a gettare acqua sul fuoco...
L'obiettivo è vicino ma ancora non è matematico!!

giovedì 26 aprile 2012

buoniecattivi Pagelle Juve - Borriello, regalo d'addio?

IL MIGLIORE
BORRIELLO 7
Per tutte le critiche prese in questo periodo bianconero, Borriello merita questa gioia di giornata.
Quasi sicuramente non verrà riscattato, ma almeno lascerà un singolo ricordo positivo ai tifosi juventini.

bicchieremezzopieno Un'altra giornata è archiviata

Un'altra giornata è archiviata. Ne mancano ora solo 4 alla fine.
E ad Allegri non resta che attaccarsi ancora una volta al "gò de Muntari"

bicchieremezzovuoto Disabituati a tirare rigori

Secondo errore consecutivo dal dischetto per Andrea Pirlo.
La Juve si è talmente abituata a non avere rigori a favore che trova difficoltà a realizzare quelli che ora giustamente gli vengono concessi.

La finale che non ti aspetti!

Oltre l'80% degli scommettitori aveva puntato sulla finale di Champions Barcellona-Real Madrid.
E invece dopo il miracolo sportivo del Chelsea di Di Matteo arriva anche la sorpresa Bayern, che stimolati dal disputare la finale in casa giocano una partita stoica al Bernabeu e rispediscono a casa Mourinho.
Insomma non sarà il "Clasico" ma Bayern-Chelsea è una finale che sicuramente merita di esser vista.


E se si sblocca pure Borriello...

Quanta sofferenza a Cesena. 
La Juve sbaglia un rigore con Pirlo ad inizio gara e domina il campo per l'intera partita ma trova il goal vittoria solo a 10' minuti dalla fine con il subentrante Borriello che torna al goal dopo un lunghissimo digiuno.
Il Milan, che batte il Genoa con molta sofferenza e con un rigore netto negato ai liguri, resta a - 3. 

lunedì 23 aprile 2012

MOGGI: "JUVE, qualcuno dal cielo ti sta guidando alla vittoria..."

L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche alle 20,45 ha rilasciato importanti dichiarazioni in merito all’ultima giornata di campionato disputata.
JUVE, QUALCUNO DALL’ALTO TI STA GUIDANDO ALLA VITTORIA…
“Dopo il pareggio casalingo del Milan contro il Bologna la Juventus non poteva proprio farsi sfuggire l’occasione di battere la Roma per mettere un’ipoteca forse decisiva sullo scudetto. La squadra di Conte ha stradominato la partita e ha dimostrato ancora una volta di esser la formazione agonisticamente migliore del campionato. I tifosi meritano di tornare a gioire dopo quanto passato in questi anni a partire da quella terribile estate del 2006. Dall’alto qualcuno la sta guidando alla vittoria. Mi piace immaginare l’avvocato Gianni e il dottore Umberto Agnelli felici per quanto sta facendo la Juve in questa stagione, dopo gli anni terribili conseguenza di Calciopoli.
E chi di quel “ribaltone” ne parlava all’epoca, ovvero Franco Baldini, ha ricevuto sul campo la lezione che meritava. Il progetto della nuova Roma non esiste, non è mai esistito. La squadra è un cumulo di confusione organizzata. Un parco giochi, una Disneyland per far divertire gli avversari.”
MILAN, CAMPIONATO BUTTATO VIA.
“Il Milan è ormai sulle gambe. Nervoso e stanco. Una squadra senza più cattiveria agonistica dove persino Ibrahimovic ha sbagliato dei goal facilissimi, anche se poi come sempre è stato il più decisivo dei milanisti. La squadra rossonera ha buttato via il campionato e lo sa bene visto che dalla rabbia si è andata addirittura ad attaccare alla scusa che la Juve giocherà non in Sardegna ma a Trieste la sfida contro il Cagliari, cosa che invece stanno facendo ormai tutte da tempo.”
LAZIO-NAPOLI PER IL TERZO POSTO E IL LECCE IN CODA METTE PAURA.
“A 5 partite dal termine del campionato c’è ancora da definire chi sarà l'anno prossimo la terza italiana a disputare i preliminari di Champions. La Lazio sembra esser la squadra favorita nonostante le tante assenze, non fosse altro perché l’Udinese ormai non è più la squadra di inizio stagione, l’Inter arranca anche a Firenze contro una Fiorentina rimaneggiatissima senza  4 titolari e che va addirittura vicino alla vittoria sbagliando il rigore decisivo. L’unica squadra che potrebbe insidiare il terzo posto laziale è il Napoli, anche se la vittoria ottenuta contro il Novara è stata soprattutto figlia di clamorosi errori difensivi degli avversari e non meriti propri. Cavani? Alla fine resterà a Napoli anche l’anno prossimo. 
In coda, il Lecce sempre più trasformato dalla cura Cosmi sta spaventando tutti e con 15 punti a disposizione sono in molte a tremare e avere paura di accompagnare Novara e Cesena nel viaggio in serie B.”
VERGOGNA A GENOVA. MAI VISTO NIENTE DI SIMILE.
“La squadra che forse rischia di più di esser scavalcata dal Lecce è il Genoa di Preziosi, sempre più in confusione. La sconfitta contro il Siena è stata devastante anche per il modo in cui è arrivata. Io però in tanti anni di carriera non avevo mai visto una vergogna del genere con giocatori obbligati dai propri ultras a togliersi la maglia. È stata una cosa sconcia, indecorosa, un’immagine pessima che il nostro calcio porterà all’estero. Tantissimi colpevoli. Una pagina bruttissima per il calcio italiano”
CHAMPIONS: E SE VINCESSE DI NUOVO MOURINHO?
“Il "clasico" di sabato sera ha incoronato in Spagna il Real Madrid ai danni del Barcellona. Non mi stupirei ora di vedere  i madrileni campioni anche d’Europa. D’altronde ad inizio stagione avevo pronosticato la squadra di Mourinho come possibile candidata numero 1 per la vittoria finale in Champions.”



buoniecattivi Le pagelle JUVE VIDAL, un guerriero

IL MIGLIORE
VIDAL 8
Altra prestazione mostruosa del giocatore cileno condita anche da due goal di grande qualità. Il centrocampista straniero si conferma uno dei migliori acquisti degli ultimi anni.


bicchieremezzopieno Il MILAN sembra ormai scoppiato

E' una Juve che non perde un colpo. A tranquillizzare ancor di più i tifosi bianconeri poi la forma fisica del Milan.
La squadra rossonera sembra ormai completamente scoppiata.
Nonostante Ibrahimovic la squadra milanista pare abbia ormai finito la benzina.

bicchieremezzovuoto QUANTO MANCA?

Trovare un difetto alla Juve che umilia la Roma 4 a 0 archiviando la pratica in 10' è praticamente impossibile.
E allora non resta che domandarsi:
quanto manca alla fine del campionato?

JUVE forza 4. ROMA umiliata. Milan a meno 3

Una JUVENTUS devastante umilia la ROMA dominandola dal primo fino all'ultimo minuto.
4 goal e tutti a casa.
Milan a - 3.
Il sogno è sempre più vicino!


mercoledì 18 aprile 2012

venerdì 13 aprile 2012

La valigia sul letto

Da qui a fine stagione basta parlare di rinnovo di Del Piero. C'é uno scudetto e una Coppa Italia da vincere. E proprio Roma potrebbe esser l'ultima partita di Alex in bianconero


mercoledì 11 aprile 2012

buoniecattivi Pagelle Juve DEL PIERO UNICO

IL MIGLIORE 
DEL PIERO 7,5
Si lo so, il migliore in campo è stato Pirlo ma non si offenderà di certo il 21 bianconero se stavolta le luci della ribalta saranno tutte per Del Piero.
Unico, indistruttibile. Decisivo.
E adesso provate a mandarlo via.....

bicchieremezzopieno Una giornata in meno

Sarà un testa a testa sino alla fine. E allora ogni giornata che passa è un passo verso lo.....
Dopo la vittoria del Milan a Verona non era facile reggere la pressione contro la Lazio. Ed invece la Juve ha dominato dall'inizio alla fine, rischiando di pareggiare la partita solo per la cronica sterilità sotto porta.
Ma che carattere questa squadra.

Bicchieremezzovuoto Chiamate un dottore!!

L'anno prossimo il primo acquisto dovrà esser un Bomber di valore internazionale.
Serve alla Juve, ma sopratutto ai tifosi, questa Juve ne sta mettendo a serio rischio le coronarie. 
Non si possono creare tutte quelle occasioni e rischiare di non vincere!!

Immenso Del Piero. La JUVE torna capolista

La Juventus domina il primo tempo, va in vantaggio con Pepe su un meraviglioso assist di Pirlo, ma poi sbaglia tantissime palle goal per chiudere la gara e puntuale come un orologio svizzero arriva la beffa a fine primo tempo con il pareggio di Mauri.
Nel secondo tempo esce Vucinic ed entra Del Piero che decide la sfida su punizione, alla sua 700a partita in maglia bianconera. Unico. Decisivo.

martedì 10 aprile 2012

Il MILAN non molla. Ora tocca alla JUVE!

Vincere a Verona in totale emergenza non era per niente facile, a dimostrazione che il Milan ci crede ancora allo scudetto e lotterà fino alla fine. Sarà un testa a testa sino all'ultima giornata.
La Juve però è giudice del suo destino da sola. Se le vince tutte da qui fino alla fine non dovrà pensare minimamente a quello che fa il Milan.
Stasera c'è la Lazio e anche senza Klose non va sottovalutata.

sabato 7 aprile 2012

buoniecattivi PAGELLE BONUCCI, il migliore della JUVE

IL MIGLIORE
BONUCCI 7,5
Una nuova grande prestazione di Bonucci, che si getta alle spalle tutte le tensioni della vicenda calcioscommesse che l'ha tirato in ballo più volte nell'ultimo periodo.
Il difensore sta giocando benissimo nelle ultime partite, caricato dal momento bianconero e dalla stima di Conte.
E' evidente che sta rendendo ben oltre il proprio valore sulle ali dell'entusiasmo.
Speriamo continui così fino a fine stagione.


bicchieremezzopieno SORPASSO JUVE

Affrontare le ultime 7 giornate di campionato con 1 punto di vantaggio sul Milan è di fondamentale importanza, basti pensare che solo una settimana fa il Milan si presentava a Catania con 4 punti di vantaggio sulla Juventus.
Sarà una battaglia di nervi sino alla fine. Quello che la Juve sta compiendo quest'anno è un assoluto miracolo sportivo!!

bicchieremezzovuoto Pensieri AMAURI

D'accordo Amauri non sarà mai un campione e ha bestemmiato chi in questi anni ha provato ad accostarlo a Ibrahimovic.
Avesse accettato però il ruolo da panchinaro nella nuova Juve di Conte sono certo che si sarebbe reso utile nel corso della stagione. 
Di sicuro non avrebbe potuto far peggio di Borriello.
Il goal segnato oggi contro il Milan è indubbiamente la cosa migliore fatta per la Juve durante la sua carriera.


JUVE, che sorpresa nell'UOVO di PASQUA!!

Grandissima sorpresa nella giornata pre-Pasquale.
Il Milan perde clamorosamente in casa contro la Fiorentina. Il goal decisivo è addirittura di Amauri.
La Juve non spreca la ghiottissima occasione e va a vincere a Palermo per 2 a 0 grazie ai goal di Bonucci e Quagliarella.
La squadra bianconera torna capolista del campionato a 7 turni dalla fine. Sarà un testa a testa emozionante.

giovedì 5 aprile 2012

Il ruggito di John Elkann...

Con la maglia rosa e quello sguardo da "duro" mi immagino le facce terrorizzate degli avversari nell'ascoltare le parole di John Elkann....


mercoledì 4 aprile 2012

MILAN, giustamente fuori dalla CHAMPIONS. E CONTE...


Premessa. Se mi avessero dato contro un rigore come quello di Nesta mi sarei arrabbiato a dismisura.
Detto ciò, all'andata al Barcellona gli era stato tolto qualcosa a livello arbitrale che ieri sera è stato restituito.
Nel complesso dei 180' gli spagnoli hanno ampiamente meritato il passaggio, quindi c'è poco da esser "furiosi".
Ora il Milan potrà concentrare tutte le sue attenzioni  e il suo nervosismo sul campionato.
Meglio o peggio per la Juve?
La Juve ha l'obbligo di crederci fino a alla fine e di non arrendersi mai come va continuamente ripetendo Conte.
Poi se il Milan manterrà il primo posto sarà giusto complimentarsi con loro.
Ma a 8 giornate dalla fine e soli 2 punti di distacco la Juve non deve indietreggiare un solo passo!!

lunedì 2 aprile 2012

MOGGI: "Scandalo AS ROMA-MASSONERIA, partiranno querele!"

“Molti mi chiedono una spiegazione del cosiddetto presunto complotto ai danni di alcuni dirigenti della Roma e ci tengo quindi a precisare pubblicamente che non conosco la storia e non ne so assolutamente niente.
Non capisco neppure o meglio forse ho ben capito il perché della circolazione del mio nome su cose dalle quali sono proprio lontano.
Vi svelo un aneddoto: qualche anno fui oggetto di un’intervista divertente da parte di Paolo Calabresi, oggi inviato de “Le Iene”, che per l’occasione si era travestito da cardinale sudamericano.
Successivamente a più riprese sono stato invitato sempre dal Paolo Calabresi alla fine del 2011 e anche più volte nel 2012 a rilasciare loro un’intervista.
Tempo fa avevo incontrato il Calabresi casualmente sotto l’ufficio del mio legale, avvocato Prioreschi.
Successivamente ho saputo che proprio lì vicino è un frequentatore di un negozio intestato al Sig.Veltroni e pensavo, quindi, che il medesimo abitasse in zona.
La settimana scorsa, dovendo recarmi dall’avvocato Prioreschi ho deciso di chiamarlo, perché mi era simpatico ed è era stato per me divertente vedere come una persona per sbarcare il lunario si fosse vestito anche da cardinale. Volevo però solo ribadirgli che non volevo rilasciare nessuna intervista a “Le Iene”.
Solo quest’ultimo è il vero motivo della mia chiamata a Paolo Calabresi, magari, lui chissà cosa si aspettava. A volte il detto: “ quando uno ha la coda di paglia…”.
Non sapevo, oltretutto, che avesse un figlio che gioca a calcio nella As Roma.
La domanda tra l’altro gli fu fatta da una persona presente lì che conosce bene il settore giovanile della Roma ed io non misi bocca perché non conosco affatto il giocatore.
Considerando che solo di questo si è parlato perché io di altro non ero a conoscenza sarà interessante sapere perchè questo signore ha fatto il mio nome in cose che non mi riguardano. Magari l’avrà fatto per ingraziarsi qualche dirigente romanista…
Ci sono 4 testimoni presenti al breve colloquio, durato non più di 5 minuti.
Lui adesso dovrà dire perché ha parlato di questo nostro incontro senza che ce ne fosse motivo, mischiandolo con schifezze di cui io non sono a conoscenza. Voglio inoltre sapere  perché ha detto di non aver capito il motivo di questo nostro incontro visto che invece lo sapeva benissimo e riguardava solo l’intervista che io non voglio fare con loro.
Quest’ultima cosa mi ha lasciato dei dubbi che i miei avvocati dovranno colmare, presentando una denuncia per diffamazione.
Tra l’altro il Calabresi ha realizzato recentemente anche un’intervista a un signore del mio paese cancellato dal calcio per lo scandalo scommesse degli anni ’80, il quale signore in alcune dichiarazioni giornalistiche ha detto che il solo dirigente calcistico che lo contatta continuamente per sapere come sta è il Sig. Franco Baldini.  
Che ci sia qualche nesso?"



MOGGI:"Grande JUVE, ora ci devi credere. CHINAGLIA era una brava persona."

L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche ha rilasciato interessanti dichiarazioni in merito all’ultima giornata di campionato disputata.
JUVE, grande vittoria. A – 2 c’è l’obbligo di credere allo scudetto!
“Ancora una grande prestazione stagionale della Juventus che ha sfruttato al massimo il mezzo passo falso del Milan a Catania. Per caratteristiche della partita il Napoli sembrava avvantaggiato alla vigilia, vista la capacità dei partenopei a giocare di rimessa. Invece la Juve non ha concesso spazi e ha vinto con ampio merito.
A questo punto, a poche partite dalla fine del campionato e a soli 2 punti di distacco dal Milan la squadra di Conte ha l’obbligo di credere allo scudetto fino alla fine. ”
MILAN, 10 minuti di ritardo. Lamentele esagerate. Il goal di Robinho non è quello di Muntari…
“Il Milan ha pagato a caro prezzo i 10 minuti della ripresa in cui ha tardato a rientrare mentalmente in campo. Evidentemente la testa era già a Barcellona, soprattutto dopo il primo tempo dominato. Ma contro questo Catania che gioca così bene non ci si può fermare. Subito dopo il loro pari sono ripartiti all’attacco alla ricerca del goal vittoria che forse con Robinho avevano anche segnato.  Le lamentele di Galliani e Allegri stavolta mi sono sembrate esagerate. Non si può minimamente accostare questo episodio a quello di Muntari.
E adesso c'è l'importantissima sfida contro il Barcellona. Sarà dura giocare contro la squadra più forte al mondo, ma il Milan non parte già battuto”
SI ALLARGA LA LOTTA PER IL TERZO POSTO. CIAO GIORGIO.
“La lotta per il terzo posto si fa sempre più complessa. La Lazio a Parma praticamente non ha giocato e non può bastare come scusante la mancanza di Klose e l’infortunio a Diaz. Se giocheranno altre partite così il terzo posto se lo possono scordare. Mi preme ricordare un grandissimo ex laziale scomparso proprio in queste ore: Chinaglia. Giorgio era una brava persona. Mi dispiace che le persone si mettono sul piedistallo solo dopo che muoiono. E' morto da solo, abbandonato da tutti. Lui è stato un grandissimo uomo, altruista. Mi piace ricordarlo sempre pronto a correre in soccorso di tutti.
Tornando alla lotta per l’ultimo posto valido per la Champions League con la sconfitta laziale e quella di un sempre più stanco Udinese e del Napoli stanno provando a rientrare anche Roma e Inter.
La Roma però deve dimostrare che non è grande solo con le piccole e piccola con le grandi.
Mentre l’Inter sotto la guida di Ramaccioni, che sembra l’allenatore in seconda dei veterani in campo, non credo possa avere ambizioni di terzo posto. La vittoria contro il Genoa, peggior difesa del campionato, non deve illudere. Continuo a ritenere il Napoli la squadra più forte tra queste contendenti.”



Mourinho - Stramaccioni quante somiglianze. Ma dove?

Come illudere la gente....

buoniecattivi Pagelle Juve Maestoso Vidal

IL MIGLIORE

VIDAL 8
Devastante. Onnipresente.
Non gli basta la prestazione monstre a livello di interdizione, tira fuori dal cilindro un goal pazzesco.
Insostituibile.
E' il giocatore che ha convinto Conte a cambiare il centrocampo della Juve in estate.
E c'era qualcuno che lo criticava quando qualche tempo fa stava, giustamente, riprendendo fiato.....

Goal fantasma di ROBINHO. Ecco la MOVIOLA RAI in 3D

Secondo la moviola in 3d della DOMENICA SPORTIVA il pallone calciato da ROBINHO nel secondo tempo non era goal.

domenica 1 aprile 2012

bicchieremezzopieno Juve, stavolta è tutto pieno

La vittoria 3 a 0 contro il Napoli è un bicchiere completamente pieno.
Una risposta importantissima sul campo al pareggio del Milan a Catania.
Allegri e Galliani devono farsene una ragione, questa Juve lotterà fino alla fine per lo scudetto.
Un pensiero finale per Chinaglia, passato a miglior vita.
Nella commozione vissuta in diretta di Pino Wilson, suo amico fraterno, il ricordo di un pezzo di storia del calcio italiano che se ne va.
Ciao Long John


bicchieremezzovuoto Juve, quella maglia rosa in casa

Trovare difetti sul campo alla Juventus in una partita stravinta per 3 a 0 è praticamente impossibile.
Colgo l'occasione allora per esternare ancora una volta la mia assoluta perplessità all'utilizzo della maglia rosa nelle partite casalinghe.
La Juve è da sempre bianconera. 
Viva il bianconero!

NAPOLI umiliato. La JUVE torna a -2 dal MILAN

Con una grandissima prestazione, trascinati da un devastante Vidal, la Juventus batte 3 a 0 il Napoli e si riporta a 2 punti di distacco dal Milan.
Sarà battaglia fino alla fine.