lunedì 7 maggio 2012

MOGGI: "Juve, ecco finalmente la terza stella! Non c'avessero fermato nel 2006..."


L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche alle 20,45 ha rilasciato il suo commento sulla vittoria scudetto della JUVENTUS e sul resto della penultima giornata di serie A
JUVE, SCUDETTO STRAMERITATO! FINALMENTE LA TERZA STELLA!
“Ha vinto la squadra che più ha meritato nel corso della stagione.
La Juventus si è laureata campione d’Italia per la trentesima volta nella sua storia perché sin dalla prima giornata ha giocato il miglior calcio del campionato, dimostrando una grandissima condizione agonistica per l’intero torneo. E anche se in alcuni momenti della stagione ha peccato in concretezza non ha mai perso una partita e merita assolutamente di tornare a festeggiare dopo 6 lunghissimi anni di inferno e purgatorio. Lo meritano soprattutto i tifosi juventini.
Finalmente la Juventus potrà indossare sulla propria maglia la trentesima stella, che senza Calciopoli sarebbe arrivata già molti anni fa. Quella squadra era talmente forte che senza quello scandalo ora forse staremmo a festeggiare lo scudetto numero 35.
Gli episodi arbitrali nel corso del torneo? Fanno parte del gioco ma di sicuro la squadra bianconera complessivamente ha avuto più torti che favori. Non è certo per il goal di Muntari che ha perso lo scudetto il Milan, ma per i tanti, troppi infortuni. I rossoneri a differenza della Juve non hanno mai mostrato un gioco corale di squadra ma si sono sempre dovuti affidare alle prodezze dei singoli, Ibrahimovic in primis. E non avendo un gioco brillante, nel momento che è venuta a mancare gente come Boateng o Thiago Silva la squadra ne ha risentito terribilmente. E così, dopo il derby di ieri sera, mentre l'Inter ricorderà sempre il 5 Maggio, ai rossoneri toccherà il 6 Maggio!”
UDINESE IN CALO, MA TERZO POSTO MERITATO
“Alla fine, anche quest’anno sembra che la squadra che agguanterà la Champions League all’ultima giornata sarà l’Udinese. Lo merita per la programmazione della dirigenza e per la competenza del proprio allenatore. Ma di sicuro la squadra friulana in questa seconda parte della stagione è in forte calo. Dopo un inizio brillante mostrando un gran bel gioco, i tanti infortuni, le squalifiche, i tanti giocatori partiti per la coppa d’Africa l’hanno fortemente ridimensionata. E se nonostante tutto questo riuscirà a centrare i preliminari dell’Europa che conta è la dimostrazione del livello dell’attuale calcio italiano.
Napoli, Lazio, Roma e Inter non sono state capaci di superarla in classifica.
Soprattutto la Roma delle squadre sopracitate non è mai stata in grado di tenere il passo dei friulani, d’altronde sin dall’inizio della stagione si è capito l’andazzo dei giallorossi.”
GENOA PRATICAMENTE SALVO
“Il Lecce ha gettato via in casa contro la Fiorentina la chance per potersi salvare, quasi sicuramente quella decisiva. Al Genoa, nonostante la squalifica del campo e la pesante sconfitta di Udine,  all’ultima giornata di campionato basterà pareggiare in casa contro un Palermo che non ha nulla più da chiedere al campionato. Di certo non è stato giusto che la Lega e la Figc abbiano garantito la regolarità del campionato solo per la vetta. Anche la lotta per la Champions e quella per la salvezza meritavano la contemporaneità.”
Posta un commento