lunedì 21 aprile 2008

I fatti, non le parole.



Avrei voluto scrivere questo pezzo dopo una sconfitta della Juventus, o dopo errori tattici da rinfacciare a Ranieri.
Lo faccio invece adesso.
Troppo facile penserà qualcuno. Non mi importa.
Voglio render il giusto merito ad un allenatore su cui sono stato molto scettico sin dall’inizio e che tutt’ora a volte mi lascia perplesso e mi fa arrabbiare per talune scelte tattiche.
Ma di fronte ai numeri c’è poco da obiettare.
La stagione della Juventus di quest’anno è un capolavoro.
Più di quello che si sta ottenendo sul campo, non si sarebbe obiettivamente potuto ricevere.
A Ranieri va dato quindi il giusto merito di aver preso una neopromossa e di aver quadrato il cerchio in pochissimo tempo, rendendola subito competitiva a partire sin dalle prime giornate.
E’ vero, in primis ha pensato (forse anche troppo) a quadrare la fase difensiva e in tante partite ha rinunciato, molto spesso a torto, alla qualità privilegiando la quantità.
Di queste scelte però ne ha pagato le conseguenze con le tantissime critiche ricevute durante il corso del campionato.
Gli si è contestato inoltre la mancanza di qualità di gioco.
Bisogna esser onesti però e rimarcare che se in assenza di Camoranesi ad impostare il gioco ci pensano Nocerino, Tiago o Almiron la colpa non può esser solo la sua.
Questa Juventus ha bisogno tantissimo di innesti di qualità. E non ne basteranno un paio.
Il crollo fisico e lo spaventoso numero di infortuni dell’Inter avuti nella seconda parte del campionato non deve ingannare:
con Vieira, Cambiasso, Ibra, Samuel, Cordoba ecc…questa Inter dista ancora tantissimo.
Quindi è giustissimo confermare Ranieri e dargli la possibilità di scegliere giocatori (come fatto anche con il suo pupillo Sissoko) che possano migliorare il tasso di qualità di gioco della squadra bianconera nel futuro.
L’anno prossimo poi sarà il vero banco d’esame per il Mister.
Perché la Juventus partirà nuovamente per vincere.
A Torino, lottare 2 anni consecutivi solo per il gradino più basso del podio non è assolutamente consentito.
Quindi tra il calciomercato estivo prossimo e le scelte future di Ranieri vedremo se il tecnico trasteverino compirà finalmente quel salto di qualità che gli possa consentire di rinfacciare a tutti i suoi detrattori quella frase che da sempre lo accompagna:
“non ha mai vinto niente di importante”.
Per chiudere, poi, sempre tornando in temi di fatti:
dove sono finiti tutti coloro che da 10 anni a questa parte ad ogni minimo calo fisico del capitano, sono pronti a contestare Del Piero?
Capitano e Campione con la C maiuscola.
E anche le perplessità al riguardo degli ingaggi strappati nel corso della sua carriera sono solo cattiverie di chi non ha il coraggio di ammettere che questo giocatore è un Fenomeno vero.
Uno che ogni volta che lo critichi è lì pronto a tirare fuori la lingua per risponderti:
“tiè, questa è per te!”
Uno che ogni volta che cade, sai già che quando si rialzerà tornerà più forte di prima.
E allora che la Juve del futuro riparta da Ranieri e da Del Piero.
Perché nella vita contano i fatti. Non le parole.

10 commenti:

Amos ha detto...

Sono in parte d'accordo con te su Ranieri, a me non convince tutt'ora e sono certo che non sia in grado di darci molto di più, ma sulla stagione di quest'anno non ho niente da obiettare, almeno per quanto riguarda i risultati.
Quanto a Del Piero, beh, le parole sono finite, come ha detto lui c'è da lasciar parlare il campo, ma a questo punto non so cos'altro possa dire. Sta facendo una stagione straordinaria, e non parlo solo di gol, ma di contributo alla squadra: fa tutto quello che c'è da fare nel momento giusto, gol assist, tiene alta la squadra, e pensare a quanti lo hanno dato per finito, quanti dicevano che non era più da serie A, eccovi servito un vero fuoriclasse: ALESSANDRO DEL PIERO.

Anonimo ha detto...

Per me Del Piero...da PALLONE D'ORO!!

mario bani

blanchenoir29 ha detto...

Ranieri ha fatto il suo dovere:
arrivare Terzo con la squadra da terzo posto (anche se, come seconda, vedevo Milan, non Rometta)...
Questo traguardo è merito della vecchia Guardia, il ruolo dell'allenatore per loro è marginale; nuovi innesti (salvo Sissoco)della nuova gestione, coach complice(!), hanno fallito.
Grazie, comunque, Ranieri, e, direi volentieri: addio...
Per la C.League serve uno con le palle. Avevamo uno così. Didier D.

P.s. Meno male, per gli Europei siamo liberati da quel idiota-primadonna, che pure dal letto dell'ospedale continua a dire cretinate tipo "mi avete gufato".

marlon ha detto...

ciao stefano,
premetto come sempre che leggo i tuoi interventi che pubblichi regolarmente in questa oasi bianconera ed ogni tanto dico la mia come stò per fare:
1)ranieri ha peccato ad inizio campionato nell'aver caricato di troppe responsabilità criscito e tiago,che x rendere dovevano essere gestiti diveramente;
2)continua a ragionare da "provinciale" ovvero pensa prima a non prenderle perchè sà di essere sempre esposto alle critiche e questo ha portato a perdere punti proprio contro chi non potevamo non vincere....(mi auguro che questo aspetto svanisca col prox anno)
3)leggo sempre di vecchia guardia....ma se a farci vincere è la vecchia guardia allora idem per i punti persi sopra,idem per la mancanza di gioco....
sui forum invece si divide tra ciò che è negativo (colpa di ranieri e chi per lui) e cio che è positivo (vecchia guardia)
4)DP....sono uno dei critici...che sta in ottima compagnia....il DP di oggi per qualità non si può paragonare di certo a quello del pre infortunio 98.....giocatore che abbinava ai gol anche dribbling e giocate di qualità....che oggi mancano...oramai lui e trez sono doppioni tant'è che questa squadra non riesce più ad appoggiarsi a loro per far salire la squadra...è per questo che si cerca amaurì e si vuol riportare giovinco...ha giocato male la prima parte di stagione in cui sbraitava per vedersi riconosciuto quanto neanche maldini ha il coraggio di chiedere..(chi fà finta di ricordare è meglio che si faccia un bell'esama di coscienza e si riguardi qualche partita)....ma oggi contano i gol e da quando (ai tempi di capello)si è egoisticamente messo al servizio di se stesso per battere e superare boniperti nei gol etc....che oramai sono il metro di tutto!!!!......

Anonimo ha detto...

A Ranieri, che quando è arrivato era la migliore scelta possibile, dato il rifiuto di Lippi, non si può imputare nulla se non il primo tempo spesso regalato agli avversari ed un gioco non sempre brillante. Ma se è vero, come credo, che gli era stata chiesta l'uefa e ci ha portato in champions e con un po' di fortuna avrebbe potuto ed ancora può farci rispamiare i preliminari, al mister non si può dire solo nulla! Del resto almeno quattro squadre hanno rose più ricche e complete della nostra...
Matiga

Anonimo ha detto...

Ho dimenticato... Del Piero: dopo Baggio il miglior calciatore italiano che ho visto giocare. E ho dodici anni in più di te.
Matiga

marco99 ha detto...

Secondo me ranieri ha mancato moltissimo nel periodo più importante per la Juve.
Quando alcuni intravedevano il tricolore la squadra ha fatto 1 punto su 9 disponibili e li si è chiusa la stagione e i sogni.
Ora arriva questo terzo posto che alla luce di tante considerazioni e al netto di 4 campioni del mondo in rosa mi pare essere il minimo sindacale.

yannick75 ha detto...

x marion:

che il Del Piero di oggi non sia quello del pre-infortunio del 98 è vero, ma è anche vero che quel Del Piero lì se la giocava col miglior Ronaldo per chi era il più forte al mondo!

Però non è vero che Del Piero la prima parte del campionato giocava male perchè voleva quello che neanche Maldini ha il coraggio di chiedere (con tutto il rispetto per il rossonero ma non vedo che motivo avrebbe Maldini di chiedere una cosa per lui improponibile e fuori luogo). Del Piero per la Juve è non solo Capitano e Campione (con la C maiuscola) ma è anche Simbolo e Storia (con la S maiuscola)...e sinceramente non vedersi riconfermata da parte di questa dirigenza di beoti la fiducia in lui come avrebbe dovuto essere senza un minimo di esitazione ha avuto le sue logiche conseguenze.
E se oggi sta facendo quello che è davanti agli occhi di tutti non è perchè ha avuto quello che Maldini non potrebbe mai chiedere, ma è perchè il nostro Capitano ha l'umiltà di mettersi sempre a disposizione della squadra senza fare polemiche e ha l'intelligenza di trovare sempre nuovi stimoli (battere Boniperti, andare all'Europeo,...): stiamo parlando di uno dei più grandi calciatori italiani di sempre, non di un barzellettiere.

Riguardo a Ranieri non si può negare il merito di aver saputo fare subito quadrato; tuttavia sono del parere che ogni volta che sono state tolte le castagne dal fuoco è sempre stato grazie alla Vecchia Guardia. Le partite in cui la Juve ha sbagliato quasi sempre è stato per errori dell'allenatore nelle scelte dei calciatori e/o dei ruoli in campo dei calciatori(Fiorentina in casa è stato imperdonabile).
Comunque, è anche vero che errare è umano...ed è anche vero che a Manchester 2003 Lippi schierò Montero terzino sinistro...quindi diamogli ancora tempo a Ranieri; il prossimo anno l'Europa sarà il banco di prova definitivo. Io è lì che voglio veder vincere la Juve.

P.S.:
(ANSA) - MILANO, 21 APR - La Juventus puo' ancora puntare al secondo posto nonostante i 5 punti che la separano dalla Roma. Lo ha detto il presidente Cobolli Gigli.

Se lo viene a sapere, La SNAI domenica prossima darà la Lazio vincente a 1,005.

Anonimo ha detto...

Del Piero e' un ragazzo sraordinario , Ranieri un buon allenatore . Abbiamo bisogno di qualita' ma non di 60 giocatori , dipendesse da me farei 3 innesti e stop . A rifare le squadre con 8-10 giocatori nuovi l'anno si fa la fine dell'inter pre farsopoli . Dico Giovinco , Flamini , Evra .

Nico ha detto...

Cerco di essere il più breve possibile, Stefano.
Quello che rinfaccio a Ranieri non è tanto la carenza di gioco o le scelte sciagurate di mercato o delle scelte sbagliate durante la partita. Quello che non mi piace è che manca di cattiveria agonistica. Mi spiego meglio.
Se Camoranesi non vuole giocare in mezzo ma a destra tu gli dici in faccia che tu o giochi in mezzo oppure te ne vai in tribuna perché sono io che comando qui. Invece lui abbassa la testa e dice va bene. Questo è solo un esempio.
Però spero che quest'anno di apprendistato gli sia stato utile. Io continuerei con lui perché se Lippi mi propone Zambrotta e Cannavaro non è che a me vada a genio a questo punto. Aspetterei piuttosto un paio d'anni e richiamerei Conte che a Bari sta facendo un lavoro eccellente.

Dimenticavo, se puoi far girare la voce: Puoi dire a qualcuno in società o a non so chi di non toccare Lanzafame e di darlo MASSIMO in prestito l'anno prossimo? Giuro, è veramente fantastico!!!