giovedì 29 gennaio 2009

Inter in fuga?




Dispiace scrivere : "l'avevo detto", ma temevo moltissimo la partita di Udine e non solo per l'assenza di Del Piero.
E' un periodo che la Juventus non stà giocando bene per niente e che la forma fisica non è delle migliori.
Amauri è in assoluto debito d'ossigeno mentre a centrocampo si sente la cronica mancanza di qualità che ti permette di rifiatare, quando non hai la forza nelle gambe.
Non mi stancherò mai di ripetere che il vero guaio della competitività della Juventus di quest'anno è stata la folle idea di non comprare un regista vero e puntare invece su un mediano di mezza qualità come Poulsen, pagandolo tra l'altro a peso d'oro.
Non ce l'ho con il danese, ma con chi l'ha voluto spacciandolo per un campione fondamentale....
Ieri sera l'Udinese ha dominato, sfruttando la grande serata di Di Natale e Quagliarella e la vena verticalizzativa di D'Agostino (non un fenomeno, ma regista vero....).
Un grande plauso lo merita anche il giovane Asamoah, davvero un uomo-ovunque a centrocampo.
Giovinco ha ahimè fallito la prova di maturità, Nedved continua sempre più a girare a vuoto.
Note positive (poche): il rientro di Trezeguet e l'ingresso di Iaquinta che ha portato molto movimento alla manovra offensiva bianconera nel secondo tempo:
non sarebbe stato il caso allora di farlo giocare dall'inizio al posto di Amauri?
L'Inter espugna il difficilissimo campo di Catania grazie al centrocampista Serbo rifiutato dai tifosi della Juventus, Stankovic, ma sopratutto grazie all'autentico uomo squadra che come sempre fa reparto da solo:
Zlatan Ibrahimovic.
Il Milan continua a farsi raggiungere sempre, non riuscendo quasi mai a mantenere un risultato fino alla fine. Le assenze croniche di Nesta e Gattuso sono decisive per gli equilibri e le ambizioni della squadra. Non puoi pensare di giocare un campionato di serie A a grandi livelli con Favalli e Maldini coppia centrale. Puoi avere tutta la qualità che vuoi, ma se non difendi il vantaggio....
La Roma intanto continua la risalita e rende ancora di più appassionante la lotta per il 4° posto e non solo. In fondo tra la Roma e la Juventus ci sono solo 7 punti (quasi quanti quelli che distanziano l'Inter dalla formazione bianconera) e nel giro di 8 punti, 5 squadre possono competere per tutte le posizioni di testa. Primo posto escluso.
Ora, non è il caso di fare drammi. Sbagliare completamente una partita dopo tanto tempo ci stà, anche se alla fine sono quasi sempre questi i punti che decidono un campionato....
Se ci pensate sabato sera la Juventus aveva agganciato l'Inter in vetta ed ora a soli 4 giorni di distanza è distaccata di ben 6 punti.
Quindi può ancora succedere di tutto.
Però è impossibile non considerare l'Inter la stra-grande favorita per la vittoria finale, perchè alla lunga la differenza di qualità viene quasi sempre fuori.
Quasi però.....
Posta un commento